lunedì 28 febbraio 2011

Senza fede non succede niente...


""Mentre si avvicinava a Gerico, un cieco era seduto a mendicare lungo la strada. Sentendo passare la gente, domandò che cosa accadesse. Gli risposero: “Passa Gesù il Nazareno! ”. Allora incominciò a gridare: “Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!”. Quelli che camminavano avanti lo sgridavano, perché tacesse; ma lui continuava ancora più forte: “Figlio di Davide, abbi pietà di me!”. Gesù allora si fermò e ordinò che glielo conducessero. Quando gli fu vicino, gli domandò: “Che vuoi che io faccia per te?”. Egli rispose: “Signore, che io riabbia la vista”. E Gesù gli disse: “Abbi di nuovo la vista! La tua fede ti ha salvato”. Subito ci vide di nuovo e cominciò a seguirlo lodando Dio. E tutto il popolo, alla vista di ciò, diede lode a Dio.""
- Forse senza fede non succede niente, nessuna ispirazione, nessuna anima danzante, forse è questo il senso del "Ballare con il Cuore". -

martedì 22 febbraio 2011

Dubbi inevitabili


Un giorno pensando alle contraddizioni mi era venuto in mente che l'oggetto tridimensionale visibile più importante in assoluto è anche l'oggetto più lontano e irraggiungibile mai sperimentato dalla vista umana. Poi ho iniziato a pensare alla cosa più vicina a noi, più indispensabile, talmente prossima al nostro corpo che addirittura lo penetra e lo tiene in vita e ho scoperto che essa è ciò che di più impalpabile e invisibile esista. Ciò che maggiormente sfugge alla percezione dei nostri sensi...
Poi ho cercato la cosa che più ci assomiglia e ne ho trovata una che non sa di niente, non ha colore, se ne riempi un recipiente fino all'orlo non sai quest'ultimo è pieno o vuoto... ma ci costituisce, ci compone e ci fa essere ciò che siamo.
Forse è per questo che mi toccano così tanti dubbi su Dio...
Forse è per questo che a volte al posto di ballare preferisco pregare...

martedì 8 febbraio 2011

Quasi tutto accade


"Non credere a ciò che non vivi, diceva il mio maestro. Tocca e misura la tua vita con quello che accade e l'immaginario usalo per progettare ma non crederci alla pari della realtà"

- Ma tutto il mondo invisibile di cui ci parli, come lo sistemiamo? quello lo viviamo davvero o no? -

"Dipende da te, da voi. Quello che vi accade è esattamente ciò che vi serve per capire, cambiare e migliorare. Voi risentite degli insuccessi ma soprattutto dei successi. Risentite della bruttezza ma soprattutto della bellezza. Risentite delle forme del vostro corpo, delle vostre orecchie a sventola e dei vostri occhi azzurri. Siete influenzati dalla ricchezza ma soprattutto dalla scarsità. Molte di queste variabili non dipendono da voi... usatele correttamente e sarete felici. Tutto ciò che vi accade era esattamente quello che vi serviva. Nel visibile e nell'invisibile."